In questa pagina trovate elencati tutti i modelli di aspirabriciole Black&Decker

Black&Decker PV1820l

Black&Decker DV9610ECN

L’azienda

La Stanley Works fu originariamente fondata nel 1843 da Frederick Trent Stanley, a New Britain (Connecticut). Inizialmente si trattò di un piccolo negozio artigianale, che produceva serrature, perni ed altri strumenti analoghi in ferro. La ditta si ingrandì assumendo un piccolo numero di artigiani e prese il nome di Stanley Bolt Manufactory. Nel 1852 Frederick Trend Stanley, insieme al fratello William e ad altri investitori, fondò una seconda società che produceva cardini e altri utensili in ferro, chiamata Stanley Works. Nel 1857 le due aziende si unirono formando un’unica società, che dava lavoro a 25 persone.

Nel 1884 William Hart, dipendente dell’azienda da quando aveva diciotto anni, ne divenne il nuovo presidente. Sotto la sua guida la Stanley iniziò ad esportare i suoi prodotti all’estero e a fondare unità produttive al di fuori degli Stati Uniti: nel 1914 in Canada (a Hamilton, nell’Ontario), e in seguito in Germania e in Inghilterra.

Nel 1926 assorbì la “Stanley Rule & Level”, fondata e diretta dal cugino di Frederick, Henry Stanley, che produceva articoli in legno, come pistole giocattolo, giochi di dama e divenne la “Divisione Tools della Stanley Works specializzata nella produzione di utensili.

L’azienda ha continuato ad espandersi, anche a livello internazionale. Le attività si sono espanse negli anni sessanta in Australia e in America Latina.

Nel 1980 ha acquistato altre tre aziende produttrici di utensili meccanici: “Mac Tools”, “Proto” e “National Hand Tools” e nel 1986 la “Bostitch”, produttrice di sistemi di fissaggio (chiodi e punti). Parte della produzione si è rivolta ai mercati asiatici, con centri a Taiwan e in Thailandia, e in seguito nei mercati dell’Europa orientale (Polonia e Repubblica Ceca).

In Italia il gruppo Stanley commercializza i marchi “Stanley”, “USAG”, “Pastorino”, “Facom” e “Virax”.

tratto da wikipedia

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*